HOME | Chi siamo | Cosa facciamo  | Fare Volontariato | Ozanam | S.Vincenzo de Paoli | Dove siamo

Laboratorio di lettura e scrittura, rivolto agli alunni della scuola elementare e media nell’intento di seguirli non solo nel recupero scolastico, ma soprattutto, nell’offrire loro un chiaro punto di riferimento. Tale attività è basata sull’esperienza sempre più forte dei volontari che attraverso la convivenza giornaliera con questi minori, sono riusciti  in un certo qual modo ad instaurare un rapporto di fiducia.

Laboratorio di manipolazione, per bambini disabili e non.

Una delle attività di cui si pregia  il centro è l’attuazione di un laboratorio di manipolazione rivolto ad un’utenza di minori disabili e non, sottolineando l’importanza dell’eterogeneità al fine di educarli all’accoglienza reciproca.

Laboratorio di taglio e cucito, rivolto alle ragazze del quartiere, affinché, dopo aver terminato la scuola dell’obbligo, possano trovare l’occasione per scoprire arte e mestieri.

Laboratorio teatrale, attività che si prefigge lo scopo di aggregare ragazzi offrendo la possibilità di esprimersi attraverso il linguaggio e i movimenti.

Laboratorio di attività musicale, che si propone di scoprire nei partecipanti, doti naturali nel canto e nella musica che si esprimono, poi, principalmente nei canti liturgici domenicali.

Attività di informatica, progettata per educare a tecnologie moderne attraverso il semplice utilizzo di giochi per computer, seguiti poi da veri corsi didattici. Inoltre da tre anni il Centro promuove corsi specializzati gratuiti per la formazione di programmatori potendo vantare l’inserimento nel campo lavorativo a mezzo colloquio oltre venti  giovani.

Attività sportive, suddivise in varie discipline, per consentire a giovani e meno giovani di socializzare nel rispetto delle regole dettate dalle varie discipline.

Escursioni culturali, miranti alla scoperta del territorio attraverso l’arte e sensibilizzando sul rispetto di essa

Campi scuola, è l’occasione per vivere momenti di comunione per tutti gli appartenenti all’intera comunità parrocchiale. 

Manifestazioni concorso, rivolte a bambini delle scuole elementari e ragazzi delle scuole medie, che si esprimono attraverso un tema con soluzione scritta, grafica, e fotografica rendendo i concorrenti protagonisti della storia che stiamo scrivendo.

Mostra dei presepi per soli minori, il Centro propone una manifestazione concorso rivolta ai soli minori delle scuole elementari e medie allo scopo di recuperare il valore del presepe attraverso l’arte. Per tale attività si prevede il coinvolgimento di 100 ragazzi  che parteciperanno a giochi di gruppo con la distribuzione di calze natalizie, giornalino, coppe e medaglie per la premiazione .

Coinvolgimenti di minori e loro famiglie in estemporanee feste domenicali .

Un ulteriore obbiettivo è quello di creare momenti di aggregazione per minori e le loro famiglie, al fine di coinvolgere e incoraggiare alla frequenza di tutte le realtà parrocchiali. Una serata animata con balli di gruppo ed individuali, per adulti e minori, supportati da un gruppo musicale ed un maestro di ballo liscio nonché l’occasione di servirsi ad un sontuoso buffet, il tutto ambientato nel salone parrocchiale opportunamente allestito.

Ambulatorio medico, nato, grazie alla collaborazione del Prof. Giuseppe Zora, allo scopo di prevenire e curare malattie endemiche per extracomunitari presenti sul territorio, preoccupandosi di creare un coordinamento di rete tra le strutture sanitarie locali, attualmente in gestione degli stessi fratelli di fuori continente.

Convegni Medici, visto l’avviato interesse per il nostro Centro da parte della classe medica della zona, e potendo contare sul  coordinamento del Prof. G. Zora immunologo, sui alcuni medici del II Policlinico di Napoli e con il patrocinio dell’A.S.L. locale si sono organizzati tre convegni medici sul tema,  ” Dialisi – Predialisi – Trapianto” e due convegni medici  sull’importanza del dono degli organi come scelta libera e prima ancora come dono d’Amore e di Solidarietà, e in collaborazione con altre associazioni due convegni sulla Prevenzione degli effetti collaterali degli immunosoppressori.

Raduno di Auto d’Epoca, Sin dall’ istituzione della Giornata Nazionale “Donazioni e Trapianto di Organi”, istituita dal Ministero della Sanità, il “Centro Ozanam” con il patrocinio  delle istituzioni regionali e comunali, aderisce a questa manifestazione allo scopo di creare un punto di aggregazione sociale attraverso il raduno di auto d’epoca, posto in cui i cittadini troveranno una segreteria medico informativa in grado di soddisfare ogni richiesta in merito all’argomento.

Giornata della Solidarietà, come ormai tradizione consolidata, in giugno, si realizza questa giornata a testimonianza di quanto il Centro si pone in linea con le proprie finalità, che consistono nel creare momenti di comunione atti a sottolineare il significato della Solidarietà Sociale, con quanti operano sul territorio: enti pubblici, privati , culturali e morali.

“Sole dell’avvenire”, è l’ultimo progetto nato scaturito dall’attenzione rivoltaci dall’amministrazione locale che ci ha invitato a partecipare ad un concorso per solo associazioni riconosciute, finanziato in base alla legge 216/91. I requisiti richiesti per tale progetto sono stati tutti  riconosciuti alla nostra associazione che è stata scelta per la sua realizzazione, in  tal modo si è contribuito a valorizzare, ancor più,  l’immagine della Società  San Vincenzo de’ Paoli, che è sempre più impegnata  socialmente con metodologie adeguate alle esigenze contemporanee; un esempio, tra i tanti, la collaborazione del Centro con il Tribunale dei Minori di Napoli, circa il periodo di messa alla prova per gli adolescenti resisi colpevoli di determinati reati e l’affido temporaneo di altri presso famiglie della comunità.

Il “Centro Ozanam” forte dello spirito di Solidarietà che lo accompagna, fedele al carisma del proprio Fondatore, fortificato dal cammino comunitario insieme alla “Famiglia Vincenziana”, si propone di servire il fratello povero con umiltà e discrezionalità, senza trascurare la necessità della propria presenza attiva  nelle strutture sociali per meglio sollecitarle a considerare quanti versano in condizioni disagiate.