HOME | Chi siamo | Cosa facciamo | Fare Volontariato | Ozanam | S.Vincenzo de Paoli | Dove siamo

Il Centro Ozanam è un’Associazione di volontariato della Società di S. Vincenzo de’ Paoli che ha iniziato dal 1986 ad operare  sul territorio di Sant ' Antimo con sede presso il convento dei Frati Minori e, dal 1990  si trasferisce nei rioni 167 e 219 presso la Parrocchia San Vincenzo Ferreri, inserendosi  in codesta Comunità con il proposito di contribuire a diffondere, con i propri carismi, il messaggio cristiano.

Il territorio sul quale insistono le attività che il Centro svolge è caratterizzato da:

a) eterogeneità della popolazione, in quanto buona parte proviene dal Comune di Napoli con difficoltà di inserimento sociale che si ripercuote sul comportamento dei minori;

b)  assistenza ai dializzati e sensibilizzazione alle loro problematiche;

c)   famiglie con grossi problemi economici, e per alcuni al limite del sostentamento;

d)  disgregazione familiare dovuta alla carcerazione di uno dei coniugi;

e)   assenza di punti di riferimento atti alla socializzazione ed alla formazione ai valori etico-sociali;

f)    problemi di evasione scolastica;

g)   rischio di coinvolgimento nelle devianze minorili;

h)   situazioni familiari anomali e/o non regolari.

Grazie allo spirito di Solidarietà dei volontari, il Centro è diventato punto d’incontro e presenza sociale in una delle aree più a rischio del Comune di S. Antimo, polarizzando attenzioni e sforzi esclusivamente al mondo minorile e adolescenziale, creando un vero e proprio progetto educativo, mirato a prevenire, reinserire ed integrare i minori all’interno del tessuto sociale, stimolando la loro formazione psicologica e culturale.

L’idea di realizzare una conferenza della Società di San Vincenzo de’ Paoli nasce dall’esperienza di volontariato acquisita da alcuni confratelli, tra i quali l’attuale presidente Antonio Gianfico, nelle Conferenze della città di Napoli, che spinti dal desiderio di operare nel proprio paese, si danno una prima semplice organizzazione.

Data la vitalità di tutti, la Conferenza guadagnava velocemente la fiducia e la stima di persone ed enti locali coinvolgendoli nei propri progetti.

Le attività svolte erano molteplici, ma nel corso di pochi anni si individua una povertà prevalente, quella dei minori a rischio, che spesso veniva trascurata a vantaggio di quelle più tradizionali, come le visite domiciliari.

Negli anni a venire il gruppo di volontari cresceva ricco di entusiasmo e di volontà di inserirsi, sempre di più, nelle strutture sociali del territorio al fine di sensibilizzare i relativi funzionari  e  i politici a volgere lo sguardo in modo attento verso  persone particolarmente disagiate.

Il desiderio collettivo di rappresentare i deboli, proponendo piccoli ma mirati progetti, diventava l’impegno più sentito.

Per rafforzare l’immagine del volontariato moderno si avvertiva, inoltre, l’esigenza di diventare promotori di comunione tra gli stessi gruppi che esistevano sul territorio, a scopo di offrire un servizio sempre più adeguato a quanti ne avessero bisogno. Nasce così, il 21 gennaio del 1990 la prima “Giornata della Solidarietà” con lo scopo di educare cittadini, volontari, operatori sociali insieme agli stessi assistiti, al recupero dei valori cristiani nell’amore per l’altro, oggi a distanza di undici anni, tra le manifestazioni, questa, si manifesta sempre più forte  all’insegna dei valori del Vangelo rafforzando  il desiderio delle associazioni laiche di contribuire alla crescita comunitaria cristiana. 

In questa fase, per meglio coinvolgere i giovani confratelli, dopo essere stati formati sulla storia, sulla  vita  e sul  valore della Società  di  S. Vincenzo de’ Paoli, si definirono in piena democrazia, sia le attività preminenti, sia il nome da attribuire all’associazione stessa.

Era così forte l’immagine del fondatore della prima Conferenza Vincenziana, “Antonio Federico Ozanam”, ed il rispetto che si provava per le sue opere, che si decise di denominare l’associazione “Centro Ozanam” e, visti i risultati ottenuti nei confronti dei minori e la particolare attenzione a loro rivolta, si decise di identificare la Conferenza come Opera Speciale.  

La Conferenza  “Centro Ozanam”, nella convinzione di contribuire a creare una società migliore per il futuro, orienta tutti i suoi progetti al fine di realizzare attività di aggregazione e formazione per ragazzi e giovani. L’obiettivo è di individuare le problematiche personali e familiari tentando di rimuoverne le cause o, quanto meno, di alleviarle attingendo la giusta energia nella preghiera e nella lettura del Vangelo, beneficiando della provvidenziale guida del nostro Parroco don Nicola Mazzella, fermo sostenitore della famiglia Vincenziana, assiduo e carismatico volontario.

Nel 1994 l’associazione, essendosi inserita con maggiore capacità progettuale nelle strutture sociali e per ottemperare a quanto previsto dalla legge sul volontariato si costituisce attraverso uno statuto proprio, senza mortificare l’appartenenza alla San Vincenzo de’ Paoli, con il relativo riconoscimento presso l’albo regionale del volontariato.